prev next
Home Gruppi da camera Carducci Quartet

Carducci Quartet

carducci-quartet

 

La rivista «The Strad» ha descritto le esecuzioni del Carducci Quartet come «una master-class sull’unanimità di intenti musicali in cui il rigore si fonde senza soluzione di continuità al fascino e l’intensità drammatica alla cordialità». Considerato uno dei più brillanti e dinamici quartetti d’archi d’oggi, il Carducci è attivo in oltre 90 concerti l’anno in giro per il mondo, gestisce una propria etichetta discografica (Carducci Classics) e un proprio festival annuale a Highnam, Gloucester, e nel settembre del 2014 ha realizzato la prima edizione del Carducci Festival a Castagneto Carducci, il paesino toscano da cui ha tratto il proprio nome.

Vincitore del Concert Artists Guild International e del Concorso di musica da camera di Kuhmo, in Finlandia, questo quartetto anglo-irlandese si è esibito in sedi prestigiose come la Wigmore Hall a Londra, la National Concert Hall a Dublino, la Tivoli Concert Hall a Copenhagen, la Carnegie Hall a New York e la Library of Congress e il John F. Kennedy Center a Washington D.C.  e in festival tra i quali il Cheltenham Music Festival, il Festival Messiaen au pays de la Meije, il West Cork Chamber Music Festival, il Kuhmo Festival e il Wratislavia Cantans Festival in Polonia.

Nel corso del 2015 il Carducci ha presentato il ciclo completo dei Quartetti di Shostakovich in diverse città per commemorare i 40 anni dalla morte del compositore e ha registrato i Quartetti nn. 4, 8 e 11 per il suo secondo CD per la Signum Classics. In aggiunta a questo ha tenuto concerti in Germania e Olanda e ha proseguito le collaborazioni cameristiche con il chitarrista Craig Ogden e la clarinettista Emma Johnson.

Molto apprezzato per le sue interpretazioni del repertorio contemporaneo, il Carducci ha presentato molti lavori in prima assoluta, come il Quartetto di Huw Watkins e Monk’s Music di Alexander Raskatov, e recentemente ha curato due progetti al Kings Place di Londra con musiche di Steve Reich e Philip Glass. Il 2013 ha visto la pubblicazione di due CD: Into the Ravine con l’oboista Nicholas Daniel, CD di debutto con la Signum Classics dedicato a novità inglesi composte per l’ensemble, e la citata Monk’s Music, collocata dall’Irish Times fra i 5 migliori CD classici del 2013. Anche il catalogo della propria etichetta discografica – accanto a capolavori del grande repertorio, da Haydn a Mendelssohn a Franck – comprende due lavori in prima mondiale di Graham Whettam e Joseph Horovitz. Nel 2010 ha registrato per la Naxos i primi quattro Quartetti di Philip Glass. Insieme al Katona Twins Guitar Duo ha registrato per Channel Classics un CD dedicato a Vivaldi e uno dedicato a Piazzolla.

Nel 2011 la Royal Philharmonic Society ha premiato il Carducci Quartet per il suo Family Concert “Getting the Quartet Bug!”. I progetti educativi rivestono grande importanza per il Quartetto che per sostenere la propria attività nelle scuole ha creato il Carducci Music Trust.

Il Carducci tiene abitualmente corsi di musica da camera per giovani musicisti nel Regno Unito, in Francia e in Irlanda e insegna regolarmente nel National Youth String Quartet Weekend.

I musicisti del Carducci hanno studiato con membri di quartetti come l’Amadeus, l’Alban Berg, il Chilingirian, il Takacs e il Vanbrugh e, come parte del programma di formazione professionale ProQuartet in Francia, con Gyorgy Kurtag, Walter Levin e Paul Katz.

Mendelssohn string quartet No 6 in F minor Op80 cut

Devi accettare l'utulizzo dei cookie per poter vedere i video
To see the video you must accept the use of cookies

Antonin Dvorak String Quartet No12, Op96

Devi accettare l'utulizzo dei cookie per poter vedere i video
To see the video you must accept the use of cookies

Philip Glass, 'Mishima' cut

Devi accettare l'utulizzo dei cookie per poter vedere i video
To see the video you must accept the use of cookies

Foto Carducci Quartet