prev next
Home Pianisti Konstantin Lifschitz

Konstantin Lifschitz

lifschitz

 

Konstantin Lifschitz è nato a Kharkov, nell’ex-Unione Sovietica, nel 1976. A 5 anni venne iscritto alla Scuola Gnessin di Mosca, dove ha studiato con Tatiana Zelikman, una delle più celebri pedagoghe russe. Ha continuato gli studi in Russia, Inghilterra e Italia e tra i suoi insegnanti figurano Theodor Gutmann, Vladimir Tropp, Hamish Milne, Alfred Brendel, Fou T’song, Leon Fleisher, Rosalyn Tureck, Karl-Ulrich Schnabel e Charles Rosen. Nel 1994 si è diplomato alla Scuola Gnessin: il suo concerto di diploma si apriva con le Variazioni Goldberg di Bach che sono state registrate dalla Denon Nippon Columbia. Il CD è stato nominato per un Grammy Award e ha spinto il critico del «New York Times» Edward Rothstein a salutare l’esecuzione di Lifschitz come «la più efficace interpretazione pianistica dopo Glenn Gould». Nel 1995 il suo primo CD aveva vinto il German Echo Klassik Award come “Giovane artista europeo dell’anno”.

Si è esibito come solista con la New York Philharmonic, la Chicago Symphony, la London Symphony, la New Japan Philharmonic con Mstislav Rostropovich, l’Academy of St. Martin in-the-Fields con Neville Marriner, la EUYO con Bernard Haitink, l’Orchestra della RAI con Jeffrey Tate, la St. Petersburg Philharmonic con Yuri Temirkanov, la San Francisco Symphony con Sir Roger Norrington, la MDR Symphony Orchestra con Fabio Luisi, la Berlin Radio Orchestra con Marek Janowski e Mikhail Jurowsky, la Tokyo Symphony, la Shanghai Philharmonic, la Berlin Symphony, la Mozarteum Orchestra di Salisburgo, la Vienna Chamber Philharmonic e la Lucerne Festival Orchestra. Nel campo della musica da camera si è esibito con artisti del calibro di Gidon Kremer, Dmitry Sitkovetsky, Maxim Vengerov, Leila Josefowicz, Misha Maisky, Mstislav Rostropovich, Lynn Harrell, Bella Davidovich, Valery Afanassiev, Natalia Gutman, Diemut Poppen e Sol Gabetta.

Sempre più attivo anche come direttore, ha diretto fra l’altro I Virtuosi di Mosca, l’Orchestra Lux Aeterna e il Coro Gabrieli di Budapest, l’Orchestra Musica Viva di Mosca, l’Orchestra St. Christopher di Vilnius, l’Orchestra Arpeggione di Vienna e I Solisti di Napoli.

Ha oltre 30 registrazioni al suo attivo, molte delle quali hanno ricevuto entusiastici consensi sulla stampa internazionale. Per la casa discografica Orfeo ha registrato tra l’altro L’Offerta Musicale di Bach (2007), il Concerto per pianoforte di Gottfried von Einem con l’Orchestra della Radio Televisione Austriaca (2009), il Concerto n° 2 di Brahms e il Concerto K. 456 di Mozart sotto la direzione di Dietrich Fischer-Dieskau (2010), L’Arte della fuga di Bach (2010) e l’integrale dei Concerti di Bach con la Stuttgart Kammerorchester (2012). Nel 2008 la VAI ha pubblicato una registrazione “live” del Clavicembalo ben Temperato eseguito al Miami International Piano Festival. Nel 2014 la Warner Classics ha pubblicato l’integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven in duo con Daishin Kashimoto, Konzertmeister dei Berliner Philharmoniker, e nel 2015 è uscita la nuova registrazione di Lifschitz delle Variazioni Goldberg, eseguite di recente al Rheingau Music Festival come parte del suo ciclo dedicato all’integrale delle opere di Bach per tastiera.

Nel 2002 Lifschitz è stato nominato Membro Associato della Royal Academy of Music di Londra e dal 2008 è docente di pianoforte presso la Hochschule für Musik di Lucerna.

 

Bach: Preludes and Fugues C Major

Devi accettare l'utulizzo dei cookie per poter vedere i video
To see the video you must accept the use of cookies

Schubert: Impromptu op 90 n.1 C minor

Devi accettare l'utulizzo dei cookie per poter vedere i video
To see the video you must accept the use of cookies